Turismo Catania » Il Territorio » Parchi Naturalistici

Alcantara

 

 

Immagini Alcantara

 

Immagini Alcantara

 

Immagini Alcantara

 


 

Parco dell'Alcantara

Con l’istituzione nel 2001 dell’Ente Parco Fluviale dell’Alcantara si è voluto salvaguardare, gestire, conservare e difendere il paesaggio e l’ambiente naturale della valle dell’omonimo fiume "per consentire migliori condizioni di abitabilità nell’ambito dello sviluppo dell’economia e di un corretto assetto dei territori interessati, per la ricreazione e la cultura dei cittadini e l’uso sociale e pubblico dei beni stessi, nonché per scopi scientifici".

Il Parco ricade nel territorio di 12 Comuni, ubicati tra le province di Messina e di Catania.
L’Alcantara nasce da una serie di piccole sorgenti sui monti Nebrodi, nei pressi di Floresta, ad un altitudine circa 1.500 metri e dopo aver attraversato la valle per circa 50 km, le preziose acque si riversano in mare mescolandosi allo Jonio in prossimità delle rovine dell’antica città di Naxos.

Il fiume, scorrendo ed erodendo il duro basalto vulcanico, ha creato, in alcuni tratti, pareti verticali conosciute come "gole", portando alla luce il cuore delle colate laviche.
Il visitatore potrà ammirare le spettacolari morfologie prismatiche dei basalti colonnari, singolari sculture naturali che richiamano allineate canne d’organo, eleganti ventagli e ordinate cataste di legna.

L'Alcantara è uno dei principali corsi d'acqua della Sicilia, con ambienti naturali di grande interesse naturalistico e paesaggistico.
Il Parco fluviale, tuttavia, è stato istituito nell'area originariamente prevista per la riserva naturale "Fiume Alcantara" inclusa nel Piano regionale delle Riserve naturali del 1991.
La perimetrazione della riserva naturale, che è quindi l'attuale perimetrazione del Parco fluviale, è del tutto insufficiente a tutelare gli ambienti naturali acquatici e ripari in quanto è limitata ad una stretta fascia lungo il fiume. Anche i principali affluenti del fiume non sono tutelati dal parco fluviale.
Nonostante sia stato redatto da alcuni anni un progetto per la perimetrazione del Parco, certamente da migliorare, e per il quale sono state presentate le osservazioni così come previsto dalla normativa, l'area protetta non ha ancora una perimetrazione dopo quasi otto anni dalla sua istituzione.
L'inadeguata perimetrazione sta consentendo di realizzare strutture edilizie ed altri interventi antropici in aree a ridosso del corso d'acqua. La legittimità di questi interventi è dubbia anche perchè determinano impatti negativi anche al Sito di Importanza Comunitaria.