Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

I 58 Comuni del territorio della Provincia di Catania

  Il Comune di Vizzini

Comune di

VIZZINI

 

 

190px-Vizzini_svg.png

 

1CattedraleF1.jpg

 

2Prospetto_Chiesa_S_Giovanni_Battista_T.jpg

 

3Chiea_Neviere_Vizzini1E.jpg

 

4Municipio_T.jpg

 

5Particolare_Palazzo_Cafici_T.jpg

 

8Granvilla.jpg

 

9Pillow_E.jpg

 

11ricotta1.jpg

 

 

 

 

Distanza da Catania: 59 Km. 

 

Viabilità e collegamenti: Da Catania, immettendosi all'altezza del ponte Primosole sulla S.S.194 per Ragusa

 

Altezza s. l. m.:  586 metri

 

Abitanti: 7.105 (denominati Vizzinesi).

                  Dati censimento 2001

 

Origini e storia

E' una delle più antiche città della Sicilia, infatti numerosi reperti archeologici testimoniano un passato preistorico, mentre le molteplici tracce di sepolture ancora presenti nel territorio inducono a ipotizzare insediamenti umani sia nel III-II secolo a. C, sia durante il basso Impero e l'età bizantina. Secondo il parere dello storico locale, padre Ignazio Noto Vizzini, si identifica con l'antica Bedis greca e con la Bidis romana, ricordata da Cicerone nelle Verrine e da Plinio come città stipendiaria di Roma. Secondo altri studiosi Vizzini sarebbe sorta nel periodo saraceno, del quale rimane un'iscrizione in un trittico conservato nell'attuale chiesa Madre, che documenta l'incendio patito da Vizzini in quell'epoca. Nel corso dei secoli ebbe varie vicissitudini, che portarono anche alla trasformazione del nome: dall'originario nome greco Bidi, da Be-dis (cioè andò due volte, in riferimento al passaggio dell'antico fiume Achates dai due lati del colle-castello), si giunse a Vizzini attraverso le variazioni attuate dagli Arabi prima e dagli Spagnoli dopo il 1730.

Sotto i Normanni fu governata dal conte Roberto; durante il Medioevo conobbe la signoria feudale degli Alagona e dei Chiaramonte, che la governarono per molto tempo; fu tra le cinque città "reginali" dell'isola, particolarmente amata dalla regina Bianca; insignita nel 1540 del titolo di "obbedientissima" durante il regno di Carlo V; venduta nel 1629 da Re Filippo e comprata da Nicolò Schittino nel 1693. Anche Vizzini fu rasa al suolo dal terremoto del 1693.

 

Peculiarità

Vizzini è stata resa celebre da Giovanni Verga che vi ambientò la Cavalleria Rusticana e vari romanzi e drammi. Ai turisti si mostra un "itinerario verghiano". Il 25 Aprile si tiene, tradizionalmente, la sagra della ricotta.

 

Archeologia:

Territorio e archeologia.

 

Architettura:

Chiesa Madre , Municipio, Chiesa della Madonna del Carmine, Chiesa di Sant'Agata, Chiesa di Sant'Agostino, Chiesa di San Sebastiano, Chiesa di San Francesco, Chiesa di San Giovanni Battista, Chiesa di San Giovanni Evangelista, Convento e Chiesa di SS. Annunziata , Chiesa di Santa Maria del Gesù, Chiesa di Santa Teresa, Chiesa di San Vito , Chiesa del Pericolo, Chiesa del Calvario, Chiesa di San Michele, Chiesa di San Nicolò, Convento dei Padri Cappuccini e Chiesa di Santa Barbara, Oratorio Chiesa di Sant'Anna, Chiesa del Petraro, Palazzo Cafici, Palazzo Rubiera, Palazzo Trao, Palazzo Verga , Salita LucioMarineo, Cunziria, Torrione, Castello, Casa di Mastro Don Gesualdo, Casa di Santuzza, Casa di Lola, Osteria della 'gna Nunzia, Colonna votiva di San Gregorio Magno.

 

Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:

Geomorfologia dell'area, Flora e fauna, Demanio Granvilla, Affioramenti presso la "Cunziria"

 

Feste e folklore:

La Pasqua, Sagra della ricotta, Festa di S. Gregorio Magno, Festa della Madonna Dell'Itria, Festa di San Giovanni Battista.

 

Gastronomia:

I Nucatuli, I Cutumè, Le Cassatelle, Dolce di ricotta, Pasta con la ricotta

 

Personaggi:

Giovanni Verga.

 

Prodotto tipico e artigianato:

Cavagne e fasceddi, La ricotta

 

Indirizzi utili:

Municipio: Piazza Umberto I, tel.0933 968211;

Pro Loco: Via Roma, 47, tel. 0933 965345, presidente sig. Giovanni Giardinelli, cell. 3398495170;

Ufficio Turistico: da lun. a dom. 09.00-13.00; venerdì e sabato 08.00- 13.00 e 15.00-19.00, tel/fax 0933 1980283.

 

Bibliografia:

Padre I. Noto, L'antichità di Vizzini, 1730.

P. Orsi, Scoperte archeologiche, in "Notizie degli scavi di antichità" 1902, pp.213-218.

N. Circigliaro, Vizzini - Storia - Arte - Personaggi - Tradizioni - Ricordi, 1992;

G. Interlandi Leotta, Sull'origine di Bidi oggi Vizzini, Vizzini 1935;

G. Santoro, Da Bidi a Vizzini, Catania 1927;

G. Di Marzo Ferro, L'antica Bidi oggi Vizzini, Palermo 1846.

G. Orrigo, La Diocesi di Caltagirone, Catania 1993;

G. Catalano, La Sagra della Ricotta, frutto di spicco della secolare pastorizia Vizzinese.

M. De Corrado, V. Verdi, Cenni Storici sulle feste religiose e non di Vizzini;

N. Cirnigliaro, Tradizioni popolari nelle opere di G. Verga.

F. Lentini, M. Grasso, S. Carbone, Introduzione alla geologia della Sicilia e guida all'escursione, Università degli Studi di Catania.

A. Gatto, V. Restuccia, Le aree attrezzate demaniali in Sicilia, Azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana 1999.

S. Pignatti, Flora d'Italia, Bologna 1982;

S. Pignatti, Boschi d'Italia, Bologna 1982.