Oggi 23/07/2018 ore 08:03

Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

Scheda informativa del Comune di Valverde


Comune di Valverde

Altre informazioni

  • Viabilità e collegamenti:

    Autostrada A 18 Me - Ct, uscita S. Gregorio, direzione Valverde.

  • Altezza s. l. m.:

    305 metri.

  • Distanza da Catania:

    8 km.

  • Abitanti:

    7.246 (denominati valverdesi).
    Dati censimento 2001

Origini e storia:

Le prime notizie sul territorio risalgono alla metà del XII secolo, quando, in seguito ad un avvenimento ritenuto miracoloso, fu costruita una chiesa (poi diventata santuario), menzionata già al tempo di Federico III. Racconta la leggenda che, nel 1040, Dionisio, dopo aver combattuto con le forze di Maniace ed essere stato escluso dal bottino, divenne brigante e si ritirò presso una caverna, circondata da una valle verde, dove un pellegrino catanese fu una delle sue vittime. Questi, in punto di morte, invocò la madonna che apparve a Dionisio e lo perdonò, purchè costruisse una chiesa.

Il borgo si formò intorno al santuario e fu concesso con privilegio di Carlo II a Luigi Riggio, che lo cedette, successivamente, a Luigi Gaetani.

Nella prima metà del XVIII secolo vi esercitava la giurisdizione il principe di Palagonia.

Il comune divenne autonomo nel 1951, anno in cui si staccò amministrativamente da Aci San'Antonio.


Peculiarità:

I ruderi di Castello Verde da cui è possibile ammirare uno straordinario panorama, proprio a fianco dei resti della rocca si trova la Chiesa dedicata alla Madonna della Neve fatta erigere dai Malaspina nel '600.


Archeologia:


Architettura:

Chiesa Madre; Palazzo Reggio Carcaci.


Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:


Feste e folklore:

Festa di Santa Maria di Valverde


Gastronomia:


Miti e leggende:


Musei, biblioteche e archivi:

Biblioteca dei padri Agostiniani Scalzi


Personaggi:


Prodotto tipico - Artigianato:


Bibliografia:

Biblioteca della Provincia Regionale di Catania, Le case di lava. Cenni storici e curiosità sugli edifici tradizionali dell'Etna, Catania 2001, p.53