Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

I 58 Comuni del territorio della Provincia di Catania

   Il Comune di Scordia

Comune di

SCORDIA

 

 

190px-Scordia_svg.png

 

1Agrumeti_cava.jpg

 

2Affioramento_cava2.jpg

 

3cava4.jpg

 

4loddiero.jpg

 

5Grotta_del_Drago1.jpg

 

6Agrumeti.jpg

 

 

Distanza da Catania:  38 Km 

 

Viabilità e collegamenti: Strada statale Catania-.

 

Altezza s. l. m.:  150 metri.

 

Abitanti: 17.022

                  Dati censimento 2001

 

Origini e storia: 

Il territorio è  ricco di testimonianze di antichissime civiltà, che qui hanno lasciato orme di abitazioni rupestri molte delle quali sono databili nell'età del bronzo. I numerosissimi reperti ritrovati in tutto il territorio testimoniano insediamenti umani in epoca sicula, nel periodo della colonizzazione greca e durante la dominazione romana.

Il toponimo di Scordia appare per la prima volta in epoca medievale. Al XII secolo, in epoca normanna, risalgono i primi documenti relativi alle terre di Scordia: nel 1151 tale area viene infeudata al nobile normanno Goffredo, sposo di Galgana, figlia di Enrico di Buglio. Negli atti di donazione di Goffredo si legge della cessione di un "viridarium Scordiae", anche se la localizzazione rimane incerta.

Durante il periodo Svevo il territorio entrò in possesso diVirgilio Scordia, che lo divise in superiore ed inferiore; successivamente passò ad altre famiglie, fino a quando a partire dal 1626 fu sotto la giurisdizione del principe Antonio Branciforti, il quale realizzò un progetto di ripopolamento di un feudo che ancora era poco popolato. La nuova Scordia fu priva di mura e aperta verso le terre circostanti, assumendo ben presto una struttura moderna. Il paese rimase sotto il dominio della famiglia Branciforti fino ai primi anni  del XIX, quando, dopo l'ultimo moto antiborbonico del 1860, ebbe il suo primo sindaco unitario in Antonino De Cristofaro.

 

Peculiarità:

Ospita  il Museo Civico Etno-Antropologico e Archivio Storico "Mario De Mauro", con sede presso il Palazzo Majorana, ospita un’ampia e interessante raccolta di manufatti, strumenti di lavoro e altri documenti (fotografie, manoscritti, pubblicazioni a stampa) relativi alla civiltà contadina e preindustriale di Scordia.

 

Archeologia:

Territorio e archeologia

 

Architettura:

Chiesa di S. Antonio, Chiesa di S. Giuseppe, Chiesa di S. Gregorio Magno, Chiesa di Santa Maria Maggiore, Chiesa di S. Rocco, Convento dei PP. Riformati, Palazzo Branciforte, Palazzo Vecchio.

 

Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:

Flora e fauna, Geomorfologia dell'area.

 

Feste e folklore:

Festa dell'Immacolata, Festa di San Rocco.

 

Gastronomia:

Caponata di melanzane.

 

Miti e leggende:

Il sileno Loddiero e la ninfa Scordia.

 

Musei, biblioteche e archivi:

Museo civico Etno-antropologico e archivio storico De Mauro.

 

Indirizzi utili:

Municipio: via Trabia 15, tel. 095651218-219

Biblioteca Comunale: via G. Marconi, n. 52, tel/fax 0957935921

Museo Civico Etno Antropologico e Archivio Storico: c/o biblioteca comunale

Pro-Loco: Via Vitt. Emanuele, 11, tel. 095 7936082

 

 

Bibliografia:

 

U. Amore, Scordia: da casale normanno a centro agrumicolo, Catania 1998.

N. Gambera, Il Museo Civico Etno-Antropologico e Archivio Storico "M. De Mauro" di Scordia, Caltagirone 1999.