Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

I 58 Comuni del territorio della Provincia di Catania

  Il Comune di  Santa Venerina

Comune di

SANTA VENERINA

 

 

190px-Santa_Venerina_CT_svg.png

 

1Chiesa_Sacro_Cuore_veduta3_A.jpg

 

2Chiesa_S_Maria_del_Carmelo_altare_A.jpg

 

3Chiesa_Sacro_Cuore_organo1_A.jpg

 

4botti_di_vino.jpg

 

5Frutta_martorana_A.jpg

 

7Vini.jpg

 

 

 

Distanza da Catania:  24 km

 

Viabilità e collegamenti: per arrivare bisogna uscire al casello di Giarre dell'A18 Catania - Messina e seguire le indicazioni per Santa Venerina

 

Altezza s. l. m.: 337 metri.

 

Abitanti: 7.901 (denominati santavenerinesi).

                 Dati censimento 2001

 

Origini e storia:

Il territorio fu sicuramente abitato dai Siculie dai Greci, ma costituiscono testimonianze sicure le monete d'oro e d'argento ritrovate a Linera, che risalgono al tempo della Repubblica Romana. Bisogna arrivare all'epoca bizantina in Sicilia (535 - 827 d.C.) per trovare tracce significative di insediamenti, a questo periodo risale infatti la chiesetta di Santo Stefano, una cella trichora, i cui ruderi si trovano nella frazione di Dagala del Re.

Dopo il periodo della dominazione araba (827 - 1060), con l'avvento dei Normanni (1060 - 1194) e la riconquista cristiana, arrivarono a S. Stefano i monaci benedettini. Dopo la colata lavica del 1284 la popolazione si trasferì in parte a settentrione, costruendo una piccola cappella dedicata all'Immacolata, in parte a sud e a est, dando origine rispettivamente ai quartieri di Bongiardo e di Dagala. Nel 1531 l'imperatore Carlo V ricondusse al regio demanio tutto il territorio che si estendeva da Acicastello fino a Pozzillo e che includeva i paesi pedemontani etnei di Aci Sant'Antonio, Aci San Filippo, Pisano, Linera e Mangano. Anche per i successivi due secoli la storia del territorio dell'odierna Santa Venerina è tutt'uno con quella del feudo di Acireale. Nel 1747 fu costruita una chiesetta che fu subito dedicata a Santa Venera. Attorno alla nuova chiesa ben presto si costituì una vera e propria borgata con oltre 600 residenti. Ben presto però l'esistenza di contrade vicine contraddistinte dallo stesso nome (Santa Venera di Mascali e Santa Venera al pozzo in territorio di Acireale) indusse nel 1796 il vescovo di Catania a definire per la prima volta questi luoghi con il nome di Santa Venerina. Occorrerà arrivare al 1936 affinchè Santa Venerina diventi Comune autonomo.

 

 

Peculiarità:

Da visitare la mostra mercato dei vini siciliani e dell'Etna, dei prodotti agroalimentari tipici e dell'artigianato locale, che si tiene in paese nel mese di settembre.

 

Archeologia:

Chiesetta di Santo Stefano

 

Architettura:

Chiesa Madre Santa Venera; Chiesa di S. Maria del Carmelo; Chiesa del Sacro Cuore di Gesù; Chiesa di Maria SS. Immacolata; Chiesa Santa Maria del Lume; Chiesa di Maria Vergine della Catena.

 

Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:

 

Feste e folklore:

Mostra mercato "EnoEtna"

Festa di Santa Venera (Patrona);  Festa Maria SS. del Lume; Festa Maria SS. Immacolata e Fiera dell'Immacolata; Sagra della granita; Festa della musica;

 

Gastronomia:

La Tradizione gastronomica a S. Venerina

 

Musei, biblioteche e archivi:

Museo del Palmento.

Miti e leggende:

 

Personaggi:

 

Prodotto tipico - Artigianato:

Produzione del vino e dei suoi distillati

 

Indirizzi utili:

Municipio: tel. 095 7001111

Biblioteca Comunale: 095 7001103

Pro Loco: via V. Emanuele, 144 tel. 095 950051

Assessorato al Turismo: tel. 095 7001104

 

Bibliografia:

Longo G., S. Venerina il mio paese, 1993

Tropea M., S. Venerina. Storia - Arte - Economia, 1978