Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

I 58 Comuni del territorio della Provincia di Catania

  Il Comune di San Cono

Comune di

SAN CONO

 

 

190px-San_Cono_svg.png

 

1M_S_Marco.jpg

 

2Chiesa_S_Cono_portale_A.jpg

 

5Chiesa_S_M_Grazie_A.jpg

 

6ficodindia.jpg

 

 

Distanza da Catania: 93 Km

 

Viabilità e collegamenti: Strada 417 Catania-Gela fino al bivio per Caltagirone, strada 124 direzione S. Michele di Ganzaria.

 

Altezza s. l. m.:  525 metri.        

 

Abitanti: 2.961 (denominati Sanconesi).

                 Dati censimento 2001

 

Origini e storia:

Il comune di San Cono appartiene alla provincia di Catania dal 1817, quando Ferdinando I re delle due Sicilie (1816-1824), decretò con una nuova riforma amministrativa la divisione della Sicilia in sette valli, che dopo l'unità d'Italia vennero chiamate province. Precedentemente, il Feudo di "Dainamare e Santo Cono", dopo essere stato proprietà delle più note famiglie siciliane, passò nelle mani di don Ottavio Trigona di Piazza Armerina, il cui primo provvedimento fu il ripopolamento del luogo (che contava 185 abitanti), con 42 case e 1 chiesa. Secondo la tesi sostenuta dallo storico Carlo Incudine, pare che il feudo abbia assunto questo nome per il fatto che era prima posseduto dalla famiglia Santapau, parenti del Santo Cono. Nel 1785 il Feudo del marchese Trigona Bellotti ottenne la "licentia populandi" dal viceré Domenico Caracciolo. Intanto, a causa di contrasti tra la concezione feudale della proprietà, sostenuta dai discendenti dei Trigona, e la nuova Costituzione, che il Regno delle due Sicilie si era data, San Cono dal 1842 al 1859 venne aggregato a San Michele di Ganzaria per la tutela amministrativa. Primo sindaco del nuovo comune fu Gaetano dell'Aia, mentre primo podestà con l'avvento del Fascismo, fu Giuseppe Fraggetta. L'ultimo a ricoprire la carica podestale fu il maestro Pasquale Almirante che fu anche primo sindaco durante l'occupazione alleata e, nel 1890, il fondatore del corpo musicale.

 

Peculiarità:

San Cono fonda la sua economia sull'agricoltura  e soprattutto sulla coltivazione del ficodindia, tanto fiorente che il Comune è oggi conosciuto come "la città del ficodindia".

 

Architettura:

Chiesa Madre, Chiesa del Crocifisso, Chiesa dello Spirito Santo, Palazzo Trigona.

 

Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:

Flora e fauna, Geomorfologia dell'area.

 

Feste e folklore:

Festa di San Cono Abate

 

Gastronomia:

Mustazzola di "ficurignia", Mostarda di "ficurignia", Gelo di "ficurignia".

 

Prodotti tipici:

Il ficodindia

 

Indirizzi utili:

Municipio Piazza Antonio Gramsci 1 tel.0933-970944

Pro - Loco via Mira 9, tel. 0933-970355.

 

 

Bibliografia:

Pro Loco, Festeggiamenti in onore del Santo patrono San Cono, San Cono 1994.

"Etna Territorio Agricoltura" - Il ficodindia - esotico frutto di Sicilia.

Il Comune di San Cono "Etna Territorio Agricoltura"- Il ficodindia - esotico frutto di Sicilia

Etna, Territorio, Agricoltura-Il ficodindia, esotico frutto di Sicilia, Supplemento a Etna Territorio N°28

Zito Rocco, San Cono: genesi e vita di un comune. Con prefazione di Santi Correnti. Catania, ISCRE, 1985

F. Lentini, M. Grasso e S. Carbone, Introduzione alla geologia della Sicilia e guida all'escursione, Università degli Studi di Catania-Scienze della Terra.

" Etna Territorio Agricoltura " - Il ficodindia - esotico frutto di Sicilia.