Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

I 58 Comuni del territorio della Provincia di Catania

Il Comune di Riposto

  

Comune di

RIPOSTO

 

 

190px-Riposto_svg.png

 

10Municipio1_T.jpg

 

1Santuario_Madonna_della_Sacra_Lettera_prospetto_principale_T.jpg

 

2Basilica_Matrice_S_Pietro_T.jpg

 

3Basilica_di_S_Pietro_dipinto3_T.jpg

 

4Basilica_di_S_Pietro_timpano_e_portale_T.jpg

 

5Chiesa_del_Carmelo_prospetto_principale_T.jpg

 

6Basilica_di_S_Pietro_pulpito_T.jpg

 

7Basilica_di_S_Pietro_cupola_T.jpg

 

8Basilica_di_S_Pietro_Altare_Maggiore_T.jpg

 

9Basilica_di_S_Pietro_interno_T.jpg

 

 

Distanza da Catania: 32 km

 

Viabilità e collegamenti: Autostrada A18 Catania - Messina uscita Giarre.

 

Altezza s. l. m.: 8 metri

 

Abitanti: 13.951 ( denominati ripostesi ).

                  Dati censimento 2001

 

Origini e storia:

 La ricostruzione delle origini di Riposto è priva di agganci storici che ci consentano di avere delle notizie certe risalenti alle epoche più remote, tuttavia importanti ritrovamenti archeologici attestano che l'area geografica compresa tra Riposto, Giarre e Mascali fu luogo di insediamenti al tempo della colonizzazione greca, in particolare in questo territorio viene collocata la città greca Callipolis, che continuò ad esistere anche in epoca romana.

La nascita di Riposto si colloca con certezza in età moderna, per questo il centro risulta essere uno dei più recenti della Sicilia.

 Nel 1540 l'Imperatore Carlo V assegnò al Vescovo di Catania, Nicola Maria Caracciolo, la Contea di Mascali, la quale si estendeva dalla quasi sommità dell'Etna fino alla costa sul mar Jonio e comprendeva diversi quartieri fra cui l'attuale Riposto.

Il nome del comune deriva da "ripostiglio", ovvero magazzino di deposito del vino. I primi insediamenti urbani furono composti da "capanne pagliai", umili abitazioni di pescatori situati attorno ad un antico tempio di origine proto-cristiana, denominato "Anticaglia di San Giovanni" su cui,  in periodo successivo, ad opera di un gruppo di naufraghi Messinesi, fu costruita l'attuale Chiesa della Sacra Lettera, la prima di Riposto.

I Messinesi, già inseriti nella Contea, avviarono il commercio vinicolo di Riposto, che durò fino ai recenti anni cinquanta, ma che ebbe la sua maggiore espansione tra l'ultimo ventennio del 1800 ed i primi anni trenta del 1900. Dopo la fine della seconda guerra mondiale comincia il declino del commercio vinicolo, la cui causa è da attribuire alla conquista dell'indipendenza delle colonie francesi Algeria e Tunisia.

 Riposto fu separato da Giarre e divenne comune autonomo il 27 aprile 1841, per merito del Capitano ripostese Giuseppe Ligresti e per concessione del Re Ferdinando II. I due paesi furono poi riuniti sotto un'unica amministrazione nel periodo 1939-1945 con il nome di Ionia.  Nel 1946 Riposto chiese ed ottenne

l'autonomia.

 

Archeologia:

 

Architettura:

Chiesa Madre, Santuario Madonna della Lettera, Chiesa del Carmelo,Basilica di San Pietro.

 

Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:

 

Feste e folklore:

S. Pietro, Sagra del mare, Premio Arte Mare, Premio Capitani Coraggiosi, Premio poesia Torre Archirafi.

 

Musei, biblioteche e archivi:

Museo Botanico "Parco delle Kentie".

Personaggi:

Mariano Torrebella

 

Prodotto tipico - Artigianato: 

Uva da vino, Agrumi, Ortofrutticoli (patate precoci)

 

Indirizzi utili:

Municipio:Via Archimede Palazzo municipale,tel.095-  938122- fax 095- 962233

Pro Loco: C.so Italia, 56

Biblioteca: Via G. De Maio ,3 tel. 095- 939606/02

 

 

Bibliografia:

R. Sessa, Viaggio da Riposto a Randazzo con la Ferrovia Circum Etnea, .

M. Torrebella, Riposto: il suo passato, il suo presente, il suo avvenire,.