Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

I 58 Comuni del territorio della Provincia di Catania

  Il Comune di Militello Val di Catania

Comune di

Militello in Val di Catania

 

 

 

190px-Militello_in_Val_di_Catania_svg.png

 

1Castello_Branciforti_A.jpg

 

2Palazzo_Majorana5.jpg

 

3Chiesa_Sebastiano_finestra.jpg

 

4Cascata_A.jpg

 

5festa_SS_Salvatore.jpg

 

6festa_barocca2.jpg

 

7uomo_con_fichi.jpg

 

 

 

 

Distanza da Catania: 48 Km 

 

Viabilità e collegamenti: Da Catania, immettendosi all'altezza del ponte Primosole sulla S.S.194 per Ragusa e dopo pochi chilometri sulla statale 385 per Caltagirone; ma anche dall'autostrada Catania-Palermo con uscita a Gerbini e quindi imboccando, via bivio Iannarello, la superstrada Catania-Gela: da quest'ultima Militello si raggiunge uscendo per Scordia oppure per Palagonia.  

 

Altezza s. l. m.:  413 metri.                    

 

Abitanti: 8.204 (denominati Militellesi).

                  Dati censimento 2001

 

Origini e storia:

Secondo la tradizione il paese fu fondato dai soldati romani che nel 214 a.C. di ritorno dall'assedio di Siracusa, qui si sarebbero concessi una tregua e quindi fermati; da qui deriverebbe dunque il nome  "militum tellus" (terra dei soldati). Altre fonti narrano che Militellum fu così chiamato nel 1082 per volere del Conte Ruggero.

Feudo della signoria dei Cammarata dal 1286, passa nel 1308 ai Barresi ai quali viene concesso, da re Pietro II di circondare di mura l'abitato; proprio con i Barresi nel 1564 diventa  marchesato. Tre anni dopo, nel 1567, subentra la famiglia dei Branciforti che rimane sino al 1812, anno di abolizione del feudalesimo.  Nel corso dei secoli Militello divenne un grande  centro religioso e culturale, raggiungendo l'apice della fioritura culturale ed artistica nel primo ventennio del '600, sotto don Francesco Branciforti  e Donna Giovanna d'Austria.

  In parte distrutta dal terremoto del 1693, fu in seguito ricostruita più a monte e si arricchì di nuove opere monumentali.

 

Peculiarità

Appuntamento estivo fisso e irrinunciabile è quello della Settimana del Barocco, con il suo fastoso programma di eventi storico-culturali che si susseguono per le vie della città, tra i palazzi, le chiese, le fontane, esempi mirabili del Barocco siciliano.

 

Archeologia:

Necropoli di Ossini

Territorio e archeologia

 

Architettura:

Palazzo Majorana, Palazzo Rejna, Palazzo Reburdone, , Palazzo Baldanza, Palazzo Baldanza-Denaro, Palazzo Niceforo, Palazzo Liggieri, Palazzo Iatrini, Casa Rizzo, Palazzo Ragusa, Palazzo Oliva, Fontana della Zizza, Castello dei Branciforti, Chiesa del Purgatorio, Chiesa del SS. Sacramento al Circolo, Chiesa di S. Sebastiano, Chiesa SS. Angeli Custodi, Chiesa di S. Antonio di Padova, Santa Maria della Catena, Chiesa Santa Maria della Vetere, Chiesa di S. Agata, Chiesa S. M. La Stella, Chiesa di San Nicolò, Chiesa del Calvario, Chiesa di San Benedetto, Convento di San Benedetto, Chiesa di S. Giovanni Battista, Convento dei Padri Cappuccini, Chiesa Santa Maria dello Spasimo,

 

Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:

Flora e fauna, Geomorfologia dell'area, Punto panoramico: Colle della Croce, Valle del Loddiero, Torrente Ossena,

 

Feste e folklore:

Festa di Santa Maria la Stella, Festa del patrono SS. Salvatore, La settimana del barocco, Festa di San Benedetto, Sagra della mostarda e del ficodindia,

 

Miti e leggende:

Ninfa Zizza, Aldonza Santapau,

 

Musei, biblioteche e archivi:

 Museo di San Nicolò, Tesoro di Santa Maria la Stella, Casa Museo di Arte Contemporanea "Antonio Cannata"

 

Personaggi:

Pietro Carrera

 

Gastronomia:

Mostarda di ficodindia, Le cassatiddine , Pomodoro secco

 

Indirizzi utili:

Municipio: Piazza Municipio 1, tel. 0957941111.

Assessorato al Turismo: piazza Municipio 1, tel. 0957941111.

Pro-Loco: cortile Alemagna, n. 17,  tel. 095655155.

Museo San Nicolò: via Umberto 67, tel. 095811251.

Tesoro di Santa Maria La Stella: chiesa di Santa Maria La Stella, tel. 095655329.

 

 

Bibliografia:

P. Orsi, Sepolcri di transizione dalla civiltà sicula alla greca, II: Necropoli di Ossini fra Lentini e Militello, in "Römische Mitteilungen", XXIV, 1909, pp. 73-84.

F. Alaimo, Militello in Val di Catania. Itinerari nel paesaggio, nella natura e nella storia, Palermo.

AA.VV., Militello in Val di Catania, in Kalos - Luoghi di Sicilia novembre-dicembre 1996.

Ventura M., Storia di Militello V.C., Catania 1953

G.Scirè, Cenni storici sulle chiese di Militello, in "Sikania" Anno X Caltanissetta 1922. 

V. Natale, Sulla storia dei letterati ed altri uomini insigni di Militello in Val di Noto, " Discorsi tre", Napoli 1837.

"Militello in Val di Catania" a cura del  Comune di Militello in Val di Catania.