Oggi 29/03/2017 ore 19:00

Turismo CataniaIl Territorio I 58 Comuni

Scheda informativa del Comune di Mascali


Comune di Mascali

Altre informazioni

  • Viabilità e collegamenti:

    Autostrada Catania Messina, imboccare dallo svincolo per Giarre la S.S. 114 in direzione Messina, o dallo svincolo per Fiumefreddo la S.S. 114 in direzione Catania.

  • Altezza s. l. m.:

    28 metri.

  • Distanza da Catania:

    33 Km.

  • Abitanti:

    13.653 (denominati mascalesi)
    Dati censimento 2001

Origini e storia:


Il toponimo Mascali è di origine incerta, ma sembra derivare dal greco bizantino che significa “ramo”, esso potrebbe riferirsi ai fitti boschi che un tempo coprivano per intero il versante orientale dell’Etna.
Significativi ritrovamenti archeologici attestano che nell'area compresa tra Giarre, Riposto, Mascali sorgeva la città greca di Callipolis, esistente anche in epoca romana. I numerosissimi reperti di età greca concentrati presso la chiesa della "Nunziatella" e di Maria SS. dell'Itria hanno fatto ipotizzare l'identificazione dell'originario nucleo abitativo di Callipolis con Mascali.
Nel 1092, durante il dominio dei Normanni, il territorio, che comprendeva le odierne Giarre, Milo, Riposto e Sant'Alfio, con al centro Mascali, fu infeudato e fu dato in baronia al Vescovo di Catania. Nel XVI secolo, la baronia fu elevata a contea da Carlo V e tale rimase fino al 1812, anno in cui fu abolito il feudalesimo. Nel novembre del 1928 il comune di Mascali fu coperto dalla lava, ma negli anni trenta fu rapidamente ricostruito con strade ortogonali, abitazioni in file ordinate ed imponenti edifici pubblici, come si vede dalla piazza Duomo sulla quale si affacciano il Palazzo municipale e la Chiesa Madre. Questi edifici del periodo fascista sono opera dell'ingegnere messinese Camillo Autore.



Architettura:


Chiesa Madre (che contiene un monumentale lampadario del peso di 650 chilogrammi, che si illumina grazie a 200 lampadine. In questo settore, infatti, Mascali vanta una tradizione artigianale di tutto rispetto), Palazzo Municipale, Chiesa Madre di Nunziata (frazione di Mascali), Chiesa della Nunziatella (Nunziata frazione di Mascali),Chiesa di Maria Santissima Assunta (Puntalazzo frazione di Mascali).
Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:
Il territorio di Mascali occupa una posizione strategica dal punto di vista turistico, grazie alle sue dieci frazioni, tutte inserite in un contesto paesaggistico di notevole pregio che spazia dalle colline del Parco dell'Etna al mare Ionio, a soli 30 Km da Catania e a 15 Km da Taormina. Tra queste Fondachello e S. Anna, frazioni marinare con spiagge caratterizzate da "cutulisci" e acqua color cobalto, oltre i Resort vi sono circa 23 strutture balneari, che offrono servizi di qualità per il turista sempre più esigente e attento, divenendo il vero fulcro del turismo estivo. A ridosso del mare, ricade uno straordinario ambiente naturale: la Gurna, zona umida compresa tra la foce dei Simeto e la città di Messina, protetta da vincoli paesaggistici. Durante l'anno registra una temperatura media di 17 gradi e precipitazioni per 800 mm, assicurando condizioni ideali per la flora caratterizzata da lenticchia d'acqua, felce, giunchi e cannucce di palude e dal ranuncolo "pennello", tipico dell'Europa atlantica. La fauna è per lo più costituita da uccelli di grandi dimensioni e grande frequentatore della zona è il falco di palude, ma chi vuol fare 'un tuffo" nella natura potrà scorgere tra gli acquitrini, cigni reali, cavalieri d'Italia, aironi cenerini, pettegole ed avocette oltre i rari ibis mignattai. Nell’entroterra è situata Carrabba con un antico acquedotto alle spalle della sua piazza centrale, a monte troviamo Sant’Antonino, Tagliaborse, Porto Salvo, Santa Venera, mentre nel versante collinare con un maggior numero di abitanti è situata Nunziata, monumento di pregio la “Nunziatella”chiesa bizantina con resti di affreschi; le più alte in quota risultano Montargano e Puntalazzo dagli scorci paesaggistici che si estendono su tutta la costa del mar ionio, con agrumeti alberi da frutta e vigneti.


Feste e folklore:


Tre le manifestazioni più gettonate ricordiamo la notte di San Lorenzo e quella di Ferragosto, vissuti dai turisti, intensamente tra mare sole, musica e pioggia di giochi pirotecnici, il 19 agosto a Fondachello i pescatori dei luogo, forte di una tradizione che si tramanda da generazioni, festeggiano con devozione la Madonna Maria SS. Della Pietà, portata in processione lungo il litorale marino a bordo di un peschereccio. Altri coinvolgenti eventi sono la festa di San Sebastiano Martire 20 Gennaio, la Pasqua con la rappresentazione vivente della passione e morte di Gesù. L’1 Novembre iniziano i festeggiamenti in onore del Santo Patrono di Mascali S. Leonardo Abate si rinnova l’appuntamento con la “secolare fiera del bestiame”, una delle poche che ancora si organizzano nel catanese mentre il 6 Novembre fedeli e devoti assistono alla festività solenne di San Leonardo nel Duomo.

 

Prodotti tipici:


Nerello di Mascali