Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

I 58 Comuni del territorio della Provincia di Catania

Il Comune di Linguaglossa

Comune di

LINGUAGLOSSA

 

 

190px-Linguaglossa_svg.png

 

1Alberi_di_neve(Pineta_di_Linguaglossa)_S_Raciti.jpg

 

3Madonna_A.jpg

 

4Chiesa_S_Francesco_di_Paola3_S.jpg

 

5Chiesa_di_S_Egidio_stemma_A.jpg

 

6Chiesa_Madre_coro_ligneo_A.jpg

 

7Chiesa_S_Antonio_particolare_A.jpg

 

8Festa_del_boscaiolo.jpg

 

9Faggeta_(sopra_Piano_Provenzana)_P.jpg

Distanza da Catania: 45 km. 

 

Viabilità e collegamenti: Raggiungibile dall'autostrada A18 Catania-Messina, uscendo dallo  svincolo di Fiumefreddo e percorrendo la S.S. 120 per circa 11 chilometri in direzione Randazzo.

 

Altezza s. l. m.:  550 metri

 

Abitanti: 5.432 (denominati Linguaglossesi).

                 Dati censimento 2001

 

Origini e storia:

Secondo lo storico castiglionese Filoteo degli Omodei, Linguaglossa fu fondata intorno all'anno 1100 da un gruppo di Genovesi e Lombardi venuti da Castiglione per estrarre la resina dei pini del bosco dell'Etna.

 La prima menzione di Linguaglossa compare, comunque,  in un documento che risale al 1145, anno in cui Ruggero II, re di Sicilia, stabiliva per l'Archimandrita Venerabile  Luca i confini della Diocesi di Messina.

 In occasione della rivolta scoppiata a Palermo nel 1282, passata alla storia con il nome di "Vespri siciliani", anche Linguaglossa insorse contro gli Angioini; nel corso del 1300 da possesso demaniale Linguaglossa diventò feudo nobiliare.

Verso la metà del 1500 un'eruzione dell'Etna minacciò seriamente e forse devastò in parte il paese che, secondo la tradizione, fu salvato dalla distruzione totale grazie all'intervento di S. Egidio, invocato in quella occasione da una povera vecchietta paralitica e da allora patrono del paese.

Il 13 giugno del 1634, ad opera di Filippo IV di Spagna, Linguaglossa fu finalmente dichiarata città libera e le venne accordato il privilegio di poter nominare da sé  i propri ufficiali e amministratori. Tale risultato fu compromesso prima da una terribile carestia che nell'anno 1672 dimezzò gli abitanti e poi dal terribile terremoto del 1693 che rase al suolo gran parte della Sicilia orientale. Dopo la lenta e difficile opera di ricostruzione Linguaglossa ha assunto la sua attuale configurazione di cittadina tranquilla, ben organizzata e coronata da verdi boschi.

Tra le risorse primarie del paese, accanto alla secolare attività artigianale ed agricola, il turismo ha assunto negli ultimi decenni sempre più importanza: oltre agli innumerevoli beni architettonici e artistici, infatti, il paese vanta una bellissima pineta, insostituibile meta per i turisti che amano la montagna.

 

Peculiarità

Al bastone di S. Egidio, patrono del paese, è attribuita la facoltà miracolosa di fermare la lava.

 

Archeologia:

 

Architettura:

Chiesa Madre, Chiesa di San Francesco di Paola, Chiesa di Sant' Egidio, Chiesa di Santa Maria delle Grazie, Chiesa dei Cappuccini, Chiesa dell'Annunziata

 

Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:

Flora e fauna, il  Bosco Ragabo, Pino Laricio "Zappinazzu"

 

Feste e folklore:

Festa di S. Egidio, Festa di S. Rocco, Festa del boscaiolo

 

Gastronomia:

Dolci alle nocciole, salsiccia al ceppo.

 

Prodotti tipici:

olio, vino rosso dell'Etna e nocciole.

 

Miti e leggende:

Mastro Linguagrossa

 

Musei, biblioteche e archivi:

Museo delle Genti dell'Etna;  Pinacoteca comunale

 

Personaggi:

Attilio Castrogiovanni; Francesco Messina; Giovanni Milana; Santo Calì;

 

Indirizzi utili:

Municipio: Piazza Municipio, tel. 095/7777111

Pro-loco: Piazza Annunziata, 5; tel. 095/643094.

APT  Piano Provenzana: tel. 095/647352

Ufficio Turismo: tel. 095/7777222

 

 

Bibliografia essenziale:

E. Costanzo, T. Guerrera, Le città attorno al vulcano, guida ai comuni del Parco dell'Etna, 1996