Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

I 58 Comuni del territorio della Provincia di Catania

 

Il comune di Fiumefreddo

Comune di 

FIUMEFREDDO DI SICILIA

 

fiumefreddo_di_sicilia_svg

 

1Torre_Rossa_T.jpg

 

2Chiesa_Madre_prospetto_T.jpg

 

3Chiesa_S_Vincenzo_altare_maggiore1_T.jpg

 

4Chiesa_Madre_part_altare_laterale_T.jpg

 

5Riserva_naturale

 

6Pasta_alla_norma1.jpg

 

7Tortino_di_pasta_e_melenzane.jpg

 

Distanza da Catania: 38 km

 

Viabilità e collegamenti: Lungo la SS. 114 che da Catania porta a Messina uscita Fiumefreddo

 

Altezza s. l. m.: 62 metri.

 

Abitanti: 9.602 (denominati fiumefreddesi).

                  Dati censimento 2001

 

Origini e storia:

Il comune sorge su un territorio ricco di antiche testimonianze, che hanno portato molti insigni studiosi a formulare varie ipotesi di identificazione dell'abitato con antichi centri. Sulla base di indicazioni geografiche, la posizione tra due fiumi, fu proposta l'identificazione con Naxos, definitivamente smentita dall'Holm. Anche la collocazione di Callipoli presso Fiumefreddo è stata definitivamente scartata. Rimane certa la notizia che il territorio fu teatro degli scontri tra tra i servi guidati da Euno e i soldati romani nel 135 a. C. e nel 103, dopo la sollevazione capeggiata da Atenione.

Quando la Sicilia venne conquistata dai Normanni e venne istituito il governo feudale, il conte Ruggero assegnò il territorio di Fiumefreddo al vescovo greco Iacopo Mennuges, il quale, alla sua morte lo passò ad Angerio, vescovo di Catania. I vescovi di Catania succedutesi ad Angerio conservarono il feudo per tutto il XII. La Sicilia ben presto passò in mano agli Svevi e con le lotte che seguirono al tempo di Federico II, il vescovado di Catania perdette il territorio. Dopo la ribellione del 1282, il feudo appartenne all'ammiraglio Ruggero di Lauria, ma quando venne dichiarato traditore, il territorio di Fiumefreddo  gli fu tolto ed assegnato a Symon Fimetta. Si dovrà aspettare un secolo perchè il territorio di Fiumefreddo ricompaia negli atti ufficiali. Nel censo di re Martino (1408) esso appare come proprietà di Zaccaria de Parisio ed, per una parte, della famiglia Balsamo di Messina. Il territorio passò successivamente tutto sotto il controllo dei Parisio che tennero il feudo fino alla metà del secolo XVII. Durante la rivolta del 1674 gli Arezzo persero la signoria di Fiumefreddo, acquisita nel 1666, per essere poi ceduta ai  Mancuso e ai Lazzari. Nel 1726 Francesco Ferdinando Gravina, principe di Palagonia e barone di Calatabiano, ricevette l'investitura della baronia di Fiumefreddo. Durante questo baronato sorsero vari nuclei abitativi e nel 1848 la rivoluzione antispagnola di Palermo ebbe la sua eco anche a Fiumefreddo creando scompiglio e disordine.

Dal 1860 le vicende politiche del Comune non si discostano dal resto della Regione.

Peculiarità:

Fiumefreddo prende il nome dall'omonimo fiume, il cui habitat naturale caratterizzato dall'eccezionale freddezza delle acque fluviali ha consentito lo sviluppo di una flora e di una fauna particolari. Al fine di salvaguardare tale ambiente naturale, è stato istituita la Riserva Naturale del fiume Fiumefreddo.

 

Archeologia:

Torre Rossa

 

Architettura:

 Chiesa di S. Vincenzo Ferreri; Palazzo Corvaja; Castello degli Schiavi; Chiesa Maria SS. del Rosario; Il Municipio; Chiesa Madre Maria SS. Immacolata; Casale Papandrea

 

Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:

Riserva naturale di Fiumefreddo

 

Feste e folklore:

Festa di S. Giuseppe; Festa Madonna delle Grazie; Sagra della Melanzana; Festa dell'immacolata; Premio Poseidone; Premio Asclepio; Festa del Bambino di Praga; Festa Madonna della Catena; Festa religiosa e fiera agricola di S. Vincenzo

 

Gastronomia

Tortino di melenzane

 

Musei, biblioteche e archivi:

Biblioteca comunale

 

Personaggi:

 

Prodotto tipico - Artigianato:

Agrumicultura

 

Indirizzi utili:

Municipio  via Diaz, 3 tel. 095 642001

Nuovo Municipio via Diana, 10;

Biblioteca comunale  via Diaz - tel. 095642311

Pro Loco  via La Farina angolo Corso V. Bellini

Ufficio Turistico  Municipio via Diaz, 3

Riserva naturale di Fiumefreddo: l'ingresso è gratuito e le visite sono aperte tutti i giorni dell'anno secondo il seguente orario: mesi autunnali ed invernali ore 8,30 - 16,30; mesi primaverili ed estivi ore 9,00 - 18,00

 

 

Bibliografia:

Comune di Fiumefreddo, Amministrazione Comunale e Assessorato alle Attività Produttive (a cura di), "Guida di Fiumefreddo di Sicilia", Catania 1999