Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

I 58 Comuni della Provincia di Catania

Il Comune di Calatabiano

Comune di

CALATABIANO

 

 

180px-Calatabiano_svg.png

 

 

1castello_san_marco1.jpg

 

3chiesa-gesu-maria_big.jpg

 

4chiesa-crocifisso-big.jpg

 

5alcantara1.jpg

 

6alcantara4_294x280.jpg

 

7alcantara3.jpg

 

8alcantara5_210x280.jpg

 

9Calatabiano_01.jpg

 

 

Castello_Arabo_Normanno.jpg

Distanza da Catania: 50 Km

 

Viabilità e collegamenti:

In auto: da Catania (A 18) uscita Fiumefreddo, SS. 120 Piedimonte - Fiumefreddo, SS. 114 direzione Messina 1 km; da Messina (A 18) uscita Giardini Naxos, SS. 114 direzione Catania 3 Km.

In treno: tratta ferroviaria Messina- Siracusa, fermata: Calatabiano.

 

Altezza s. l. m.: 62 metri

 

Abitanti: 5.215 (denominati calatabianesi).

                 Dati censimento 2001

 

Origini e storia:

Calatabiano è un paese che vanta antichissime origini. Il territorio fu abitato già nel primo millennio a. C. dai Siculi. I primi colonizzatori furono i Calcidesi, giunti dalla Grecia nel 725 a.C. Molti studiosi hanno proposto l'identificazione dell'abitato con la greca Kallipolis, ma l'esiguità degli elementi a disposizione non permette di accertare tale ipotesi.

 Nell'827  d.C. gli Arabi arrivano in Sicilia  e nel 902 conquistano il territorio di Calatabiano, dove si stanziarono, insidiandosi nella fortezza, probabilmente già esistente dal 425 a. C., in cima alla collina. Durante questo periodo il castello fu chiamato Kalata-bian, da Kalata, castello, e Bian, nome del funzionario che occupò la fortezza. Il territorio ed il castello rimasero sottola dominazione araba per circa due secoli.

 Nel 1079 il castello fu conquistato dai Normanni, che ricostruirono il castello, così come conservato quasi interamente fino ad oggi.

Nel 1272 Calatabiano cadde sotto la dominazione degli Angioini ed in seguito degli Aragonesi.

Dal 1396 al 1669 fu sotto il dominio dei Crujllas, una antica famiglia spagnola. Questo fu il periodo più ricco di vita: il castello, restaurato ed abbellito, ospitava balli, conviti, uomini nobili e dotti. 

I terribili terremoti del 1669 e del 1693 misero in fuga gli abitanti del castello, che ricostruirono l'abitato ai piedi della collina. Nel 1813 Calatabiano venne elevato a "comune", divenendo autonomo, anche se solo formalmente, con una popolazione di circa 1360 abitanti.  

A Calatabiano si può ammirare il Castello Arabo-Normanno (IX sec.) e il Castello del Principe di Palagonia, noto come castello S. Marco. Poco distante si può accedere alla splendida spiaggia, meta di numerosi turisti.

 

Castello Arabo - Normanno

 

Architettura:

Castello S. Marco; Chiesa Madonna del Carmelo; Chiesa dell'Annunziata; Chiesa S. Maria Dell'Imperio; Chiesa di Gesù e Maria; Chiesa SS. Crocifisso; Chiesa di S. Filippo; Palazzo Gravina.

 

Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:

Gole dell'Alcantara

 

Feste e folklore:

Sagra delle nespole; Festa di S. Filippo Siriaco; Corteo Storico; "I Cannicci", fiaccolata in onore di S. Lucia.

 

Gastronomia

 

Musei, biblioteche e archivi:

Biblioteca comunale

 

Personaggi:

 

Prodotto tipico - Artigianato:

Il Nespolo

 

Indirizzi utili:

Municipio : Piazza V. Emanuele, 32 - tel. 095 7771009

Pro Loco: Via G. Mazzini, 21 - tel. 3471567480

http://www.comune.calatabiano.ct.it/

Bibliografia:

"Guida Turistica" pieghevole realizzato dalle classi della S.M.S. "G. Macherione" 1999.