Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

I 58 Comuni della Provincia di Catania

Il Comune di Biancavilla

Il Comune di

Biancavilla

 

 

190px-Biancavilla_svg.png

 

1Chiesa_della_Annunziata_A.jpg

 

2Chiesa_della_Annunziata_campanile_A.jpg

 

3Chiesa_S_Placido_campanile_A.jpg

 

4Chiesa_SS_del_Rosario_particolare1_A.jpg

 

5Dolci_bersaglieri_A.jpg

 

6Arance_A.jpg

 

 

 

Distanza da Catania: 30 Km.

 

Viabilità e collegamenti: Superstrada 121

 

Altezza s. l. m.: 515 metri 

 

Abitanti: 22.477 (denominati biancavillesi).

                  Dati censimento 2001

 

Origini e storia

 La presenza umana nel territorio di Biancavilla  è attestata sin dal Neolitico. Numerosi reperti documentano una consistente frequentazione nell'VIII e nel VII secolo a. C., quando il territorio fu conteso dai Greci ai  Siculi, che lo abitavano già da qualche secolo. Alcuni rinvenimenti confermano la presenza di insediamenti umani anche in periodo romano. Nel 1303 il territorio di Biancavilla divenne parte della contea di Adernò, sotto la dominazione dei Moncada. Nell 1482 una colonia di albanesi si insediò nella zona di "Callicari" o "Poggio Rosso", come attesta l'atto di concessione di Tommaso Moncada ai profughi greco-albanesi, che formarono una comunità chiamata "Casale dei Greci".  Sembra che Biancavilla fosse anche chiamata "Greci - Moncada", tuttavia il primo atto ufficiale, risalente al 1599, porta il nome di "Biancavilla", che, secondo lo studioso Avolio, deriva dal francese "Blanceville".

Nel 1669, inseguito all'eruzione dell'Etna, molti abitanti si rifuggiarono a Biancavilla, raddoppiando di numero la popolazione. Nel settecento e nell'ottocento la sorte di questo territorio rimase legata alle vicende di Adernò, dominata tirannicamente dai Moncada.

Il 16 dicembre del 1816 il re borbonico estese alla Sicilia la legge sull'abolizione della feudalità, provocando però la ribellione dei contadini, che si trovarono senza terra. Seguirono numerose rivolte, finchè lo Stato si arrese, lasciando, attraverso un atto ufficiale, le terre ai biancavillesi.  

 

Peculiarità:

Il ricco territorio biancavillese e l'ottimo clima mite,  offrono una delle migliori produzioni di ortaggi della Sicilia orientale.

 

Archeologia:

 Territorio e archeologia

 

Architettura:

 Chiesa del Rosario, Chiesa dell'Annunziata, Cappella di S. Placido, Chiesa e Convento di S. Francesco,  Cappella del Carmelo, Villa della Favara. 

 

Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:

 

Feste e folklore:

 Festa di S. Placido, Sagra dell'agricoltura.

 

Musei, biblioteche e archivi:

 

Personaggi:

Mons. Antonino Distefano

 

Prodotto tipico - Artigianato:

Arance, fichidindia, mandorle, ulivi, ortaggi.

 

Indirizzi utili:

Municipio: V. Vitt. Emanuele, 465  - tel. 0957600111/800644616; Ufficio Turismo 0957600431

ProLoco: Via Caserta, 2 -  tel. 3396423035

 www.comune.biancavilla.ct.it

 

 

Bibliografia:

P. Maccarone, Adrano e Biancavilla. Dalle origini al 1860, Palermo 1996.