Turismo Catania » Il Territorio » I 58 Comuni

I 58 Comuni della Provincia di Catania

Il Comune di Adrano

Comune di

ADRANO

 

 

150px-Adrano_svg.png

 

1Castello_Normanno_e_Chiesa_Madre.jpg

 

1Ripostiglio1_tratto_da_Luigi_Bernabo_Brea_La_Sicilia_prima_dei_greci.jpg

 

2-Ponte_dei_saraceni.jpg

 

3st07.jpg

4st08.jpg

 

6st10.jpg

 

7st11.jpg

 

8st13.jpg

9st15.jpg

 

 

 

Distanza da Catania: 36 Km.

 

Viabilità e collegamenti: Dalla Circonvallazione di Catania imboccare all'altezza di Misterbianco la S.S. 121 per Paternò, e proseguire per la S.S. 284.

 

Altezza s. l. m.:  560 metri.

 

Abitanti: 34.490 (denominati adraniti).

                  Dati censimento 2001

 

Origini e storia: 

Le radici di Adrano affondano addirittura nel Neolitico, come è testimoniato da un gran numero di reperti, e ci portano ai Siculi che nell'area del Mendolito avevano fondato uno dei centri più importanti dell'intera isola. Del resto, la città greca Adranon, sorta nel 400 a. C., trae il nome proprio dalla divinità sicula Adranos. Seguirono poi il dominio romano, quello bizantino e, successivamente, quello saraceno. Gli Arabi, abili agricoltori e artigiani, segnarono un notevole progresso del centro, fiorente anche sotto i Normanni, i quali lasciarono proseguire ai Saraceni l'esercizio di quelle loro attività che potevano essere proficue per gli abitanti. Non altrettanto invece fecero gli Svevi, la cui persecuzione degli Arabi si rivelò rovinosa per l'economia del luogo. Tempi migliori non giunsero nemmeno con gli Angioini, i quali probabilmente storpiarono alla francese il nome  latino-medievale della città, Adernio, in quello di Adernò che si è mantenuto fino al 1929, né con gli Aragonesi. 

 

Peculiarità:

Ospita il Museo Archeologico Regionale, gestito dalla Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Catania, che ha sede presso il Castello Normanno, dove sono raccolti materiali preistorici in gran parte provenienti dal territorio etneo, che documentano l'esistenza in quest'area di numerosi villaggi preistorici.

Numerosi sono i siti archeologici che ricadono nel territorio di Adrano, tra questi è particolarmente interessante quello del Mendolito, dove si estendeva una città sicula tra le più importanti della Sicilia.

Ogni anno, tra febbraio e marzo, si svolge ad Adrano la "Sagra delle Arance", con degustazioni di frutta, ortaggi, marmellate e dolci. 

 

Archeologia:

Adranon, Archeologia e territorio, La città del Mendolito, Ripostiglio di bronzi del Mendolito.

 

Architettura:

Castello normanno, Chiesa Madre, Cappella Ciancio, Chiesa di S. Agostino, Chiesa di S. Leonardo, Chiesa di S. Giuseppe,  Chiesa di Santa Lucia, Chiesa di S. Pietro, Convento di S. Agostino, Convento di S. Domenico, Convento di Santa Lucia, Palazzo Guzzardi Bua, Palazzo Liberty, Ponte dei Saraceni, Pescheria.

 

Territorio geologico, naturalistico e paesaggistico:

Fauna, Flora.

 

Feste e folklore:

La Settimana Santa, La Diavolata e l'Angelicata, Sant'Alfio, San Pietro, San Nicolò Politi, La Sagra delle Arance.

 

Gastronomia:

La Tradizione gastronomica

 

Miti e leggende:

Adranos.

 

Musei, biblioteche e archivi:

Biblioteca comunale, Biblioteca del Museo Archeologico, Museo Archeologico Regionale.

 

Personaggi:

Salvatore Petronio Russo, Francesco Musco.

 

Prodotto tipico - Artigianato:

Agrumi, Porcino Bianco, Lavorazione della terracotta.

 

 

Indirizzi utili:

Municipio: Via Spampinato, n.28, tel. 0957606111.

Pro- loco: via Roma 56, tel. 7602416.

Museo Archeologico: presso Castello normanno, Piazza Umberto, tel. 0957692660.

 

 

 

Bibliografia:

A.R. Marotta D'Agata - U. Spigo, Adrano, in AA.VV., Bibliografia topografica della colonizzazione greca in Italia e nelle isole, vol. XIV, Pisa - Roma1984, pp. 27-38;

S. Franco, M. Cultraro, Guida attraverso i saloni del Castello Normanno di Adrano, Adrano 1991 (ristampa);

AA. VV. Adrano su "Kalos - Luoghi di Sicilia" marzo-aprile 1997;